Monastero di Cairate

Il Monastero benedettino femminile di Santa Maria Assunta sorge nell’area interessata storicamente dal contado del Seprio.
Edificato nel 737 d.C. da Manigunda – una nobile longobarda legata alla corte di Pavia del re Liutprando – in un’area frequentata sin dall’epoca romana, fu uno dei primi insediamenti monastici del territorio.

Luogo carico di storia e cultura, al suo interno sono conservati numerosi reperti. Tra gli interventi di maggior pregio, un ciclo affrescato dedicato all’Assunta e datato 1561, attribuito ad Aurelio Luini, figlio del celebre pittore leonardesco Bernardino Luini, che costituisce la più importante presenza artistica dell’intero complesso monastico.

Materiali

  • Scarica l’ebook (presto disponibile)

  • Scarica le mappe in formato pdf (presto disponibile)

Visita il Monastero di Cairate con Varese4U

Informazione pratiche

Gallery

scopri di più su unescovarese.com

Altre informazioni

Il Monastero dell’Assunta fu edificato in un area frequentata sin dall’epoca romana, dove recenti scavi hanno portato alla luce i resti di un complesso agricolo-produttivo.

scopri di più su unescovarese.com
Sara Pigozzi
Sara Pigozzi
20:26 24 Aug 19
Luogo spettacolare e ricco di storia Complimenti alla proloco che lo gestisce con anche favolose e interessanti iniziative.leggi di più
stefano maestrelli
stefano maestrelli
15:53 15 Jun 19
Il monastero è visitabile da qualche anno dopo un lungo restauro che l'ha strappato all'abbandono ed al decadere delle strutture. Di proprietà della Provincia di Varese, non chiede l'acquisto del biglietto ma solo un'offerta neanche obbligatoria, l'apertura e' nel fine settimana. Con l'ausilio di una piantina si possono visitare i due piani : quello inferiore che mostra scavi di sepolture, sarcofagi, ritrovamenti di utensili in metallo e di ceramica di secoli diversi, monete, monili. Suggestivo il percorso delle chiese con affreschi, in particolare l'opera di Aurelio Luini, che racconta episodi della vita della Vergine, occupa l'intera parete sino al soffitto della chiesa delle monache. Pochi gradini e si accede alla chiesa settecentesca che conserva un altare in marmo elegantemente decorato con angeli. Il piano superiore concede la vista sul cortile interno dal loggiato, da qui si arriva alla bellissima "sala della musica". Voluta da Antonia Castiglioni, mostra pareti decorate finemente e dipinti con strumenti musicali, figure e paesaggi in una cornice che segue tutta la parte alta della stanza. Alcune sale ospitano una piccola mostra su una Tv privata e sui suoi promotori. In tutto il percorso sono presenti pannelli descrittivi molto esaurienti ed interessanti che raccontano la storia del monastero dalle origini romane, al periodo longobardo, al rinascimento sino ai giorni nostri. Piccola curiosità: pare che il monastero abbia il suo "fantasma". Si tratterebbe di Manigunda, la monaca di nobili origini che ancora oggi non ha abbandonato il luogo da lei fondato... Mah! Per chi volesse proseguire la visita di Cairate spingendosi sino alla frazione di Peveranza, è possibile seguire l'itinerario del borgo dipinto. Le opere sono numerose e davvero belle, ne ho fotografate alcune.leggi di più
Marco de paoli
Marco de paoli
21:01 14 Apr 19
Bellissimo dal punto di vista storico... Interessante perché spesso organizzano eventi di vario genere
Turista non per caso
Turista non per caso
19:08 09 Apr 19
Se siete nella zona di Varese non perdete l'occasione di visitare il bel monastero benedettino femminile di Santa Maria Assunta di Cairate. Il monastero si trova nel centro del paese. Nelle sue vicinanze c'è un comodo parcheggio. Molto bello il chiostro e anche la parte destinata a museo. Da vedere.leggi di più
Mauro
Mauro
17:23 26 Aug 18
Monastero ricco di storia, personale gentile e preparato. Ingresso gratuito con offerta libera e considerato che c'é anche la guida, la meritano. Andateci.leggi di più
Guarda tutte le recensioni