Area Archeologica di Angera

Considerata fin dal passato un’importante stazione di traffico lungo le vie commerciali fluvio-lacuali a cavallo delle Alpi, Angera ha restituito le più antiche testimonianze della presenza umana nel territorio di Varese.
Gli scavi condotti a partire dalla fine dell’800 nell’area hanno restituito numerosi reperti, attentamente raccolti, studiati e infine esposti al pubblico in una veste didattica che si aggiorna di anno in anno.
Il Museo, aperto al pubblico dal 1976 e situato nel centro del paese, è ospitato al primo piano del Palazzo del Pretorio, una palazzina risalente alla fine del XV secolo, e raccoglie le più importanti attestazioni storiche del territorio.

Materiali

  • Scarica l’ebook (presto disponibile)

  • Scarica le mappe in formato pdf (presto disponibile)

Visita l’area Archeologica di Angera con Varese4U

Informazione pratiche

Gallery

scopri di più su angera.it

Altre informazioni

Il Museo Archeologico, situato nel centro del paese , è ospitato in una bella palazzina quattrocentesca e raccoglie le più importanti attestazioni storiche del territorio.

scopri di più su angera.it
federico reyneri
federico reyneri
21:19 08 Oct 19
Piccolo ma ben organizzato museo archeologico. Interessante per i più piccoli il percorso di giochi che accompagnano la visita, i rialzi per vedere le vetrine e la teca tattile (da provare il cappello ricavato dal fungo che sembra scamosciato).leggi di più
Myrsa Mys
Myrsa Mys
15:46 13 Sep 19
Andrea "Ravo" mattoni al lavoro ad Angera
Margherita Cerri
Margherita Cerri
14:38 07 Sep 19
Pur nelle sue modeste dimensioni è ben allestito con una guida molto professionale.
Rosella Pomati
Rosella Pomati
08:13 14 Jul 19
I piccoli musei sono preziosi sguardi in profondità su realtà locali, sguardi scientificamente impostati ma insieme affettuosamente curati. La somma di questi sguardi da un corpo a quella che è la sintesi asettica, generale della storia ufficiale. In questo piccolo museo di sole due stanze abbiamo reperti che vanno da un estremo che supera i 10.000 anni fa fino all' epoca romana. Troviamo il pane, proprio le nostre rosette, carbonizzato, i resti dei nostri cereali, la segale insieme alle castagne, tesoretti messi al riparo e ritrovati solo ora dagli archeologi, un esempio raro di cremazione su pira e moltissimo altro. Ricordo ancora il dibattito sorto su possibili tracce della religione del dio Mitra su questa sponda del lago Maggiore, ora ridomensionato. Non posso non sostenere con entusiasmo la decisione dell'amministrazione di affidare il museo ad archeologi che illustrano con competenza e passione il materiale qui contenuto. Spero che i visitatori incontrino come è capitato a me la bravissima archeologa che mi ha accompagnato. Ultima nota dolcissima: i bambini sono i benvenuti: per loro, che scriveranno meglio il futuro se ben consapevoli del loro passato, qui, in queste due stanze, c'è posto!!!.leggi di più
Elena Poletti
Elena Poletti
19:09 03 Apr 19
Piccolo e ricco percorso archeologico, animato da interessanti attività culturali
Davide Corsi
Davide Corsi
10:50 19 Mar 19
Piccolo museo (solo 2 locali) gratuito. Visita guidata dalla direttrice davvero interattiva, con ricostruzioni fedeli di utensili da maneggiare liberamente in una teca dedicata: molto comunicativo, un bel viaggio nel neolitico. Spazio per i bambini a tutto, giochi tematici, libri e gradini per accedere alle vetrine. Anche loro possono toccare. Saltuariamente organizzati anche laboratori di 'archeologia' in sede dai 5-6 anni. Entusiasmante per tuttileggi di più
Altre recensioni